L’ autostima sia nel lavoro che nella vita affettiva, condizionano la nostra vita!

 
come ritrovare l'autostima

L’ autostima sia nel lavoro che nella vita affettiva, condizionano la nostra vita!

Pubblicato da Annunci-Single in Il Blog dei Single, Salute e Benessere 19 Apr 2016

Avere una bassa autostima, può condizionare la nostra vita, anche nell’amore!

Se abbiamo una bassa percezione di noi stessi, sicuramente, abbiamo una bassa autostima in amore e quindi anche verso l’altro: non ci apprezziamo e quindi non siamo capaci di ricevere l’amore che ci viene dato, ad esempio quello di una persona innamorata.

In un rapporto di coppia in cui uno dei due partner soffre di bassa autostima in amore, può essere influenzato da tre fattori principali:  la gelosia, un sentimento di insicurezza e le “finanze”.

L’insicurezza porta ad una visione negativa di sé; non ci crediamo all’altezza del nostro partner:un rapporto con una persona insicura, fa si che questa sia sempre in ansia “non sapendo cosa stai facendo e dove sei” e diventi addirittura sospettosa di ogni messaggio o telefonata ricevuta. Parliamo quindi della gelosia: le persone insicure diventano possessive del proprio compagno e come abbiamo detto, iniziano ad insospettirsi e a curarlo.

L’altro aspetto importante nel rapporto di coppia, che può creare una bassa autostima è quello che riguarda le finanze della coppia: una persona che compra in maniera esagerata a oggetti che migliorino il proprio umore, può portare alla perdita della persona amata.

Per superare tutto ciò , bisogna vedere la percezione che ognuno di noi ha per sé stesso: se ci si ama e si accettano i propri pregi e difetti, si possono amare anche gli altri.

E’ importante è appunto capire di avere dei difetti e non vergognarsi di ciò per non trasformarli in un complesso.

Se abbiamo paura o ci sentiamo tristi o arrabbiati per qualcosa, non dobbiamo vergognarci di esprimere questi sentimenti temendo di fare brutta figura. Negare la propria emotività non aumenta la propria autostima, cosi come rassegnarsi ad un certo stato d’animo o banalizzare una situazione non aiuta il rapporto di coppia.

Conoscersi vuol dire sapere cosa si vuole e cosa si può offrire all’altro cosi da poter raggiungere una relazione matura, appagante e autentica.  In un rapporto di coppia è essenziale essere capaci di esprimere al proprio compagno ciò che si pensa, ciò che si sente e ciò che si vuole, senza naturalmente obbligare l’altro a restringere la propria libertà.

Non si deve però tralasciare l’importanza dell’ascoltare il punto di vista del proprio partner e rispettarlo ed anche dialogare con lui ascoltando i suoi problemi. Poche parole dette al momento giusto fanno aumentare la considerazione che il nostro compagno ha di noi.

Per recuperare quindi una bassa autostima in amore bisogna permettere a sé stessi di commettere degli errori e perdonare i propri difetti, essere paziente e comprensivo con sé, non auto esaltarsi, essere soddisfatti del meglio che potete fare e dare, credere in sé stessi e non perdersi d’animo,  riconoscere le proprie qualità ed i propri punti di forza, apprezzarsi, essere sicuri, non essere timidi e piacersi anche fisicamente.

Aumentare la bassa autostima in amore si può!

I bambini sviluppano una buona autostima, grazie al sostegno dei genitori (ove a volte non esiste, si creano conflitti interiori nel bambino, fino a farlo sentire inadeguato verso il mondo esterno)

Poi, la vita, con esperienze negative (che servono anche a maturare il carattere),  le aspettative e i giudizi della gente, riducono l’autostima che era stata coltivata durante l’infanzia.

L’autostima è la considerazione che un individuo ha di se stesso. Ci permette di credere nelle nostre capacità e ci fa sentire capaci; grazie ad essa, abbiamo la sensazione di poter contribuire in modo positivo alla società e di meritare una vita appagante. Quindi, svilupparla nuovamente è un processo naturale, nonché essenziale per vivere una vita piena, sana e felice.

Il modo in cui parli di te, il modo in cui ti percepisci e ti descrivi diventa una realtà prima o poi.

Quando ti butti giù, sminuendo il tuo valore e minimizzando i tuoi talenti davanti ad altre persone, in realtà non fai altro che presentarti come una persona schiva, priva di autostima, praticamente insignificante: non si tratta di umiltà, ma di un rifiuto di se stessi, un tentativo di sminuirsi.

D’altra parte, se enfatizzi le tue qualità, i tuoi talenti e le tue competenze, dai l’impressione di essere un egocentrico arrogante.: in questo caso, non ti sopravvaluti, ma tenti semplicemente di ingannare la tua insicurezza.

La via di mezzo esiste: basterebbe rispettarsi, riconoscere i propri meriti e ammettere di essere una persona valida, al pari delle altre persone, con talenti e pensieri unici e rispettabili.

Viviamo in una società che ci ha abituato ad affidare a qualcun altro il compito di analizzarci. A meno che tu non abbia un problema serio, le incertezze e la mancanza di uno scopo non richiedono l’intervento di uno specialista.

 

Smetti di farci condizionare dagli altri! Quando cerchi di vivere secondo le aspettative altrui, perdi tutta la tua autostima. Quando decidi di seguire una strada scelta da altri, rischi di vivere la tua vita in base ad aspettative che spesso non sono nemmeno esplicite. Sfortunatamente, molte persone scelgono di vivere in questo modo, condizionando gli studi, la carriera, il posto in cui abitare, quanti figli avere: ogni decisione viene presa in funzione delle aspettative di genitori, mogli, mariti, amici e media. La maggior parte di queste persone non ha il coraggio di esprimere le proprie preferenze, sacrificando l’autostima.

È un vero peccato vivere la tua vita per qualcun altro.

 

 

 

Tratto dal sito:” più che puoi”

FacebookTwitterGoogle+

Commenta

promo-donna40-55