Pensate il triplo, fate il doppio e parlate la metà

 
Molecular Thoughts

Pensate il triplo, fate il doppio e parlate la metà

Pubblicato da Annunci-Single in Il Blog dei Single, Mind 09 Nov 2016

Molecular Thoughts

Pensate il triplo, fate il doppio e parlate la metà. Il mondo è fin troppo pieno di menti piccole che parlano solo degli altri e non pensano, è ricolmo di persone che parlano tanto e fanno ben poco. Quindi avanzate controcorrente, dovete essere più saggi, cauti e liberi delle menti ottuse.

In realtà essere flessibili nei nostri schemi di pensiero è davvero difficile. Difatti, uno degli aspetti più interessanti spiegatici dalle correnti cognitivo-comportamentali è che i nostri problemi non nascono dalle situazioni complicate. I pensieri che facciamo e il modo in cui interpretiamo la nostra realtà possono essere senza dubbio nostri alleati o i nostri peggiori nemici.

Ogni giorno prendiamo numerose decisioni e ci pentiamo di molte di esse. Ci chiediamo subito perché l’abbiamo fatto, perché non ci abbiamo riflettuto su un po’ di più. Accade lo stesso con molte delle cose che diciamo: a volte parliamo senza pensare e permettiamo all’ira, alla paura e al dispetto di dare voce alle nostre emozioni.

Si tratta di esperienze che tutti abbiamo vissuto e che ci spingono a chiederci perché succedono. Invece di ossessionarci con l’autocontrollo, dobbiamo costruire una nuova prospettiva in cui si armonizzino la calma, l’intelligenza emotiva, la ragione e la responsabilità personale.

Ora vi spiegheremo come riuscirci.

Fermatevi, sedetevi, pensate e siate consapevoli

“Pensate il triplo, fate il doppio e parlate la metà”. Questo significa che dobbiamo meditare al massimo su ognuna delle nostre decisioni e parlare il meno possibile? Assolutamente no: non dobbiamo passare la vita a razionalizzare ogni azione, ogni emozione e ogni desiderio in rigoroso silenzio. Dobbiamo realizzare una semplicissima serie di azioni:

Imparare ad ascoltare noi stessi → Agire in sintonia con i nostri pensieri ed emozioni → Parlare il giusto e in maniera coerente alla nostra essenza.

Ovviamente, c’è chi si lascia trasportare dai pensieri automatici quando è il momento di agire. Le decisioni di queste persone sono spesso condizionate da visioni distorte ed emozioni influite dal pregiudizio. Questi atteggiamenti limitanti fanno perdere loro un’infinità di opportunità, favorendo la comparsa di frustrazione e sofferenza.

Senza rendercene conto, in qualche modo ci lasciamo trasportare da questi meccanismi automatici che affondano le radici in un inconscio minato dai pregiudizi. “Meglio evitare questa persona perché assomiglia tanto al mio ex”, “meglio rinunciare; mi è già andato male in passato, figuriamoci adesso”. Elaboriamo giudizi di valore in modo totalmente arbitrario, senza applicare nessun filtro, senza consapevolezza, e non va bene.

Ogni episodio della nostra vita può essere interpretato in modo diverso. È necessario trovare il punto di vista che ci si addica di più in termini di salute e di costruttività, che sia privo di pregiudizi. Non dobbiamo limitarci e chiudere porte, perché ci trasformeremmo nei nemici di noi stessi.

Ora vi daremo alcuni consigli per riuscirci.

Pensate bene e decidete meglio

Respirate, pensate, sedetevi, decidete, agite. Questa è una semplice sequenza che dovreste adottare interiormente ogni giorno. Tuttavia, il problema essenziale sta nel fatto che, probabilmente, non avete abbastanza tempo da dedicare a voi stessi. La vita e gli impegni vi trascinano con il loro treno ad alta velocità lasciando decidere tutto al pilota automatico.

Tutto ciò è illogico. Pensateci su: se non avete il tempo per pensare e prendere buone decisioni, in cosa vi siete trasformati? È necessario elaborare strategie adeguate per modificare questo meccanismo.

Strategie per pensare e decidere al meglio

Sicuramente conoscete più di una persona che parla senza pensare, senza considerare le conseguenze delle sue azioni, che sembrano non preoccuparla affatto. Agire senza ferire e pensare per decidere al meglio è una strategia di responsabilità e rispetto nei vostri confronti e in quelli degli altri.

  • Smettete di usare ossessivamente il verbo “dovere” (“devo fare questo”, “devo fare quest’altro”, “dovrei essere più attivo”, “dovrei essere più deciso”). Finitela di lamentarvi; il momento giusto per migliorare è sempre quello presente.
  • Disattivate il vostro ego. Non credetevi infallibili; pensate, agite e parlate con umiltà.
  • Non è sufficiente pensare prima di agire, dovete imparare a sentire, ad ascoltare con calma le vostre emozioni e i vostri sentimenti.
  • Siate intuitivi quando notate i vostri pregiudizi. Tutti accumulano pensieri impulsivi che vanno smontati e razionalizzati.
  • Entrate in connessione con la vostra interiorità e anche con ciò che è esterno affinché, qualunque decisione prendiate, rischiosa o meno, sia in sintonia con la vostra personalità e le vostre necessità.

Ricordate che non esistono decisioni buone o cattive, dovete solo agire in armonia con i vostri valori e le vostre radici. Potrete riuscirci solo se saprete ascoltarvi, amarvi e rispettarvi.

http://lamenteemeravigliosa.it/pensate-triplo-parlate-meta/

FacebookTwitterGoogle+

Commenta

promo-donna40-55